Chiesa e mondo del lavoro in età liberale

L'Unione Operaia Cattolica di Torino (1871-1923)

di Giovenale Dotta

Disponibile

Compra libro a  36,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788874023943

    Prezzo di copertina: € 36,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 688

    Contenuti: illustrazioni a colori

    Rilegatura: brossurato

     

Autore

Chiesa e mondo del lavoro in età liberale

L'Unione Operaia Cattolica di Torino (1871-1923)

di Giovenale Dotta

Un percorso di oltre cinquant’anni, dentro le vicende del mondo del lavoro, del movimento cattolico, della Chiesa, durante l’età liberale: è l’alveo nel quale scorre la vita dell’Unione Operaia Cattolica di Torino (UOC), dalla sua fondazione nel 1871 al suo confluire nella Federazione Italiana Uomini Cattolici nel 1923.
L’associazione fu tra le prime società di mutuo soccorso cattoliche sorte in Piemonte e divenne col tempo la più consistente e attiva: dal punto di vista del numero dei soci essa, per un certo periodo, fu in grado di non sfigurare di fronte alle organizzazioni liberali e socialiste. Per questi motivi, e anche per la sua primogenitura, divenne un modello per altre società non solo della regione, ma pure a livello nazionale, fin verso la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, quando il movimento operaio cattolico prese ad organizzarsi per categorie professionali, sulla base del tipo di lavoro svolto dalle maestranze.
A questo punto l’UOC dovette cedere il campo, nel movimento operaio cattolico torinese, ad altre modalità organizzative: le Unioni professionali, la Lega del Lavoro, l’Ufficio del Popolo e infine l’Unione del Lavoro, nuclei più combattivi, disposti ad intraprendere azioni di resistenza e talvolta anche di sciopero, sorti nel solco dell’esperienza democratico-cristiana alla quale del resto l’UOC aveva contribuito a preparare il terreno.
Tra i suoi meriti si devono collocare il contributo portato alla maturazione di una coscienza operaia tra le file cattoliche, l’opera di formazione di molti laici del ceto popolare all’apostolato attivo, l’apporto fornito allo sviluppo del movimento cattolico torinese e piemontese di fine secolo e dei primi del Novecento.Gli sforzi di quei decenni non risultarono vani: nella Chiesa era diventato più visibile il ruolo del laicato, le società di mutuo soccorso avevano preparato la strada ai sindacati, il movimento cattolico si era diversificato in varie espressioni, compresa quella partitica. Con il fascismo la stagione della libertà avrebbe conosciuto una lunga interruzione, ma le idee e l’impegno di molti avrebbero saputo superare l’inverno del ventennio per germinare in una nuova primavera.

Contenuti extra

Rassegna stampa