Il racconto di un prigioniero di guerra

Disponibile

Compra libro a  22,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Informazioni

  • Isbn: 9788869298639

    Prezzo di copertina: € 22,00

    Stato: Forthcoming, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 336

    Rilegatura: brossurato

     

     

Autore

Con la collaborazione di: Giustino Bello (Prefazione di)

Il racconto di un prigioniero di guerra

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 11.0px Helvetica; color: #000000}

Augusto Pignatelli, classe 1886, è stato uno dei soldati, più di un milione, mobilitati dall’Italia durante la Prima Guerra Mondiale. È stato uno dei circa 580.000 uomini catturati dai nemici al fronte e diventati prigionieri di guerra. Non è stato uno di quelle migliaia di prigionieri che non hanno fatto ritorno, morti di malattie allora incurabili o di stenti nei campi di prigionia austriaci. Ma è stato anche un uomo che ha donato un grande affetto ai genitori e ai fratelli, che ha amato la sua Vittoria, che ha pianto per i figli morti poco dopo la nascita, che ha conservato la sua umanità e i suoi valori nell’orrore della guerra. E lo ha raccontato. Lo ha confessato a delle pagine scritte e riscritte, consegnandoci una preziosa memoria di uomini, luoghi e tempi che non ci sono più, ma che hanno ancora tanto da insegnarci.

Contenuti extra

Indice

  • Prefazione (Giustino Bello)
  • Introduzione (Miriam Paschetta)
  •  
  • Il racconto di un prigioniero di guerra
  • Cantalupa
  • La scuola ed il lavoro
  • Il portamonete
  • La morte del parroco don Portis
  • A scuola: il castigo
  • La morte di Ninina ed il mendicante
  • L'esame
  • Il lavoro al Colletto
  • La gita a Torino
  • La mula
  • Un altro portafogli
  • La nevicata
  • Il servizio militare: Pinerolo
  • Il trasferimento a Torino
  • L’addestramento in Veneto
  • Il viaggio di ritorno e l’automobile
  • A Belluno
  • Il nuovo servizio a Torino
  • Il rientro nella 30° Compagnia a Luserna
  • Accantonamento a Frossasco, Coazze e nelle valli
  • Il ritorno a Torino
  • La partenza di Umberto e il congedo
  • L’incidente con la bicicletta
  • Il richiamo alle armi e i cantalupesi
  • La scuola popolare e il teatro
  •  

Rassegna stampa