Lo sguardo porta del cuore

Il neorealismo tra memoria e attualità. Con un'intervista a papa Francesco sul cinema

di Dario Edoardo Viganò

Disponibile

Compra libro a  14,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788869296109

    Prezzo di copertina: € 14,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 104

    Contenuti: illustrazioni a colori

    Rilegatura: brossurato

     

Autore

Con la collaborazione di: Papa Francesco (Intervistato)

Lo sguardo porta del cuore

Il neorealismo tra memoria e attualità. Con un'intervista a papa Francesco sul cinema

di Dario Edoardo Viganò

Il neorealismo è stato tra i fondamenti di una cultura cinematografica che papa Francesco ha poi coltivato e arricchito nel corso del tempo e di cui il suo magistero è nitida testimonianza: non sono rare, infatti, le occasioni in cui il Papa ha fatto riferimento a questo o quel film nell’ambito di discorsi e omelie e perfino nei grandi testi del suo magistero. È emersa così l’idea di una intervista al Papa che cerca di comporre un quadro unitario del suo rapporto con il cinema, ma che va anche molto oltre. In questa intervista il Santo Padre afferma la forza testimoniale e documentale delle immagini e dei film, riconoscendo per alcuni di essi il loro valore universale e la loro capacità di interrogare il cuore dell’uomo.
Oltre all’intervista a papa Francesco il volume si compone di un saggio nel quale viene proposta una riflessione sull’importanza dello sguardo tra memoria e storia a partire dall’esperienza del neorealismo: un’analisi che guarda al fenomeno neorealista senza pretese filologiche ma allargando volutamente l’interpretazione alla luce delle vicende presenti e delle specifiche riflessioni del Papa su questo cinema. Arricchiscono infine il volume le opere inedite e originali dell’artista Walter Capriotti che reinterpretano alcuni dei capolavori del neorealismo estendendo lo sguardo anche oltre quel cinema.

Vedere è un atto che si compie solo con gli occhi, per guardare occorrono gli occhi e il cuore. I film neorealisti non sono dei documentari che restituiscono una semplice registrazione oculare della realtà; la restituiscono sì, ma in tutta la sua crudezza, attraverso uno sguardo che coinvolge, che muove le viscere, che genera compassione. È la qualità dello sguardo a fare la differenza, allora come oggi. Quello neorealista non è uno sguardo da lontano, ma uno sguardo che avvicina, che tocca la realtà così com’è, che se ne prende cura e, dunque, che mette in relazione.
Papa Francesco

Contenuti extra

Indice

  • Introduzione
  • Il cinema: uno sguardo di memoria e contemplazione. Intervista a papa Francesco
  • Chiamati a (ri)apprendere uno sguardo altro
  • Lo sguardo neorealista: «il cinema, il buon cinema» può «insegnare a guardare»
  • Tra crisi e conflitto: il neorealismo orienta oltre gli «sguardi miopi»
  • La rivoluzione dello sguardo: Rossellini, De Sica, Visconti
  • Lo sguardo «in un mondo sempre più confuso»
  • Guardare non è vedere
  • Illustrazioni d'autore (Walter Capriotti)

Rassegna stampa

Il Cittadino, 16 Luglio 2021

All’interno anche una intervista a Papa Francesco che sostiene la necessità di preservare i documenti “storici audiovisivi degli organismi della Santa Sede e della Chiesa Universale”.

Leggi tutto

Huffington Post, 18 Luglio 2021

Non è’ un’ intervista sul passato del cinema e neppure sul passato della nostra storia: il Dopoguerra. E’ un’ intervista su quello che è necessario oggi, nel mondo del Covid, e per il nostro futuro.

Leggi tutto

Agensir.it, 18 Luglio 2021

il Papa racconta: “La strada di Fellini è il film che forse ho amato di più. M’identifico molto in quel film, in cui troviamo un implicito riferimento a san Francesco. Fellini ha saputo donare una luce inedita allo sguardo sugli ultimi”.

Leggi tutto

L'Osservatore Romano, 19 Luglio 2021

«Una pedagogia per gli occhi che cambia il nostro sguardo miope avvicinandolo allo sguardo stesso di Dio». Così il Papa torna su quella che lui stesso ha definito «catechesi di umanità»: il cinema.

Leggi tutto

Aleteia, 20 Luglio 2021

«Devo la mia cultura cinematografica soprattutto ai miei genitori – afferma Papa Francesco -. Quando ero bambino, frequentavo spesso il cinema di quartiere, dove si proiettavano anche tre film di seguito. Fa parte dei ricordi belli della mia infanzia: i miei genitori mi hanno insegnato a godere dell’arte, nelle sue varie forme». 

Leggi tutto

Chiesa di Milano, 21 Luglio 2021

Un’intervista al Pontefice, che rivela il suo amore per la settima arte e le sue preferenze in tema di film, è il nucleo centrale del nuovo libro di monsignor Dario Edoardo Viganò, «Lo sguardo: porta del cuore. Il neorealismo tra memoria e attualità».

Leggi tutto

Il Sussidiario.net, 18 Luglio 2021

Papa Francesco confessa l’amore per il cinema italiano, specialmente il neorealismo: “Fellini, Magnani, Fabrizi. Film che parlano al mio cuore e provocano la coscienza”  

Leggi tutto

Sky TG 24, 18 Luglio 2021

In un colloquio contenuto nel libro di Dario Edoardo Viganò “Lo sguardo: porta del cuore. Il neorealismo tra memoria e attualità”, il Pontefice racconta il suo rapporto con la Settima arte, da “Roma città aperta” di Rossellini a “La Strada” di Fellini, fino ai capolavori di De Sica. “Ho visto tutti i film di Aldo…

Leggi tutto

Il Corriere della Sera, 18 Luglio 2021

Il Pontefice nel nuovo libro di Dario Edoardo Viganò: «Cresciuto con i film di Anna Magnani, è esemplare “La strada” di Fellini»

Leggi tutto

la Repubblica, 18 Luglio 2021

ln questo colloquio, estratto dal volume “Lo sguardo: porta del cuore. Il neorealismo tra memoria e attualità”, il Pontefice racconta il suo amore per i capolavori del Novecento, da “Roma città aperta” di Rossellini alle grandi opere di De Sica e Fellini. Una passione nata grazie ai genitori: “Ci portavano spesso in sala, così capimmo…

Leggi tutto

Il Messaggero, 18 Luglio 2021

È un rapporto profondo e antico quello che unisce Papa Francesco e il cinema. Ne riconosce tutta l’importanza per la Chiesa tanto che per non disperdere il patrimonio delle fonti audiovisive ha deciso di dar vita ad un Archivio Centrale. Una sorta di Mediateca da collocare accanto alla Biblioteca Apostolica. Il progetto viene anticipato in…

Leggi tutto

Vatican News, 18 Luglio 2021

Così Francesco nell’intervista realizzata da monsignor Dario Viganò e pubblicata nel suo ultimo libro: “Lo sguardo: porta del cuore. Il neorealismo tra memoria e attualità” (Effatà editrice). Il Pontefice invita a riscoprire attraverso il cinema un’educazione allo sguardo puro. E l’importanza di custodire la memoria per immagini  

Leggi tutto

Agi, 18 Luglio 2021

Così Francesco nell’intervista realizzata da monsignor Dario Viganò e pubblicata nel suo ultimo libro: “Lo sguardo: porta del cuore. Il neorealismo tra memoria e attualità” (Effatà editrice). Il Pontefice invita a riscoprire attraverso il cinema un’educazione allo sguardo puro. E l’importanza di custodire la memoria per immagini  

Leggi tutto

La Stampa, 18 Luglio 2021

Nel libro-intervista di monsignor Dario Edoardo Viganò il Papa riflette sul rapporto con la settima arte

Leggi tutto

Avvenire, 18 Luglio 2021

Nell’ampio colloquio del Papa con don Dario Edoardo Viganò per il suo nuovo libro, il profondo significato del cinema italiano postbellico, da custodire per le prossime generazioni  

Leggi tutto

Una Mediateca Apostólica Vaticana para educar la mirada - RIIAL, 5 Agosto 2021

[…] Viganò, ex prefecto del Departamento de Comunicación de la Santa Sede, con motivo del libro Lo sguardo: porta del cuore (La mirada: puerta del corazón), dedicado al cine neorrealista, del que el Pontífice siempre […]

Leggi tutto

Una Mediateca Apostólica Vaticana para educar la mirada, 28 Luglio 2021

[…] Viganò, ex prefecto del Departamento de Comunicación de la Santa Sede, con motivo del libro Lo sguardo: porta del cuore (La mirada: puerta del corazón), dedicado al cine neorrealista, del que el Pontífice siempre ha […]

Leggi tutto