Dare un nome al dolore

Elaborazione del lutto per l'aborto di un figlio

di Benedetta Foà

Questo libro verrà stampato in singola copia con tecnologia print on demand. Per la stampa ci vorranno indicativamente 5 giorni lavorativi.

Compra libro a  14,00

Questo libro verrà stampato in singola copia con tecnologia Print on Demand.
Per la stampa ci vorranno indicativamente 5 giorni lavorativi.

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788874029808

    Prezzo di copertina: € 14,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 192

    Rilegatura: brossurato

     

     

Autore

Dare un nome al dolore

Elaborazione del lutto per l'aborto di un figlio

di Benedetta Foà

Dare un nome alle cose è il punto di partenza. All’inizio della Genesi, Dio, dopo aver creato gli animali, li presenta all’uomo affinché dia loro un nome. Dare un nome alle cose, agli animali, alle persone è evidentemente fondamentale. Perché è il primo passo verso l’identità individuale.
Dare un nome al dolore, allora, assume un significato maggiore: individua il problema. Se parlare dell’aborto di un figlio è difficile, è ancora più difficile riconoscere che per questa ragione stiamo vivendo un malessere.
Lo stress post-aborto è reale, anche se difficilmente individuabile: senso di vuoto, tristezza profonda, bassa autostima, incapacità di portare a termine le azioni, difficoltà relazionali, chiusura in se stessi. Cominciare a riconoscersi, a vedere che c’è un problema, a dargli il nome giusto, è il passo necessario verso la guarigione.

***

All’Autrice dobbiamo riconoscere il merito di offrire un percorso terapeutico scientificamente validato per affrontare una sofferenza ancora troppo taciuta.
Dalla Prefazione di Tonino Cantelmi

***

Un punto di forza di questo libro sta nel superare il confine dell’informazione e della denuncia per proporre un percorso finalizzato a risolvere le conseguenze psicologiche che colpiscono chi ha nel proprio bagaglio esistenziale «un figlio mai nato».
Dalla Presentazione di Alberto Passerini

Contenuti extra

Indice

  • Indice
  • Prefazione (Tonino Cantelmi) pag. 5
  • Presentazione (Alberto Passerini) » 9
  • Introduzione » 15
  • Parte prima » 21
  • I – Mamme mancate » 23
  • Storie di vite spezzate » 23
  • Il caso di Annie » 23
  • Il caso di Lucia » 25
  • Il caso di Emma » 26
  • Parte seconda » 31
  • I – Lo stress post-aborto » 33
  • La perdita come trauma » 33
  • Disturbo post-traumatico da stress » 37
  • Madri con sindrome da stress post-aborto » 42
  • I sintomi della sindrome da stress post-aborto » 46
  • II – Circoli viziosi: abuso e aborto » 55
  • Il collegamento tra abuso e aborto » 55
  • L'abuso nei casi di Annie, Emma e Lucia » 57
  • Parte terza » 61
  • I – L'elaborazione del lutto » 63
  • La necessità di elaborare il lutto
  • per la perdita del figlio » 63
  • Lutto o melanconia? » 64
  • Un metodo per l'elaborazione del lutto » 67
  • II – Le molteplici ramificazioni dell’aborto » 75
  • Feto o bambino? » 75
  • Varie conseguenze del post-aborto » 77
  • La persona madre » 80
  • Aborto e tumore » 81
  • III – La sindrome del sopravvissuto » 83
  • Una sindrome poco conosciuta » 83
  • La storia di Rebekah » 88
  • La storia di Audrey » 90
  • Annie, Emma, Lucia » 94
  • Scoperte incredibili » 95
  • IV – Padri di figli mancanti all’appello » 99
  • L’uomo e il post-aborto » 99
  • Uomini vittime » 100
  • La storia di Marco » 101
  • La storia di Irene » 104
  • Uomini carnefici » 106
  • La storia di Giovanni » 109
  • Parte quar ta » 111
  • I – L’Esperienza Immaginativa come potenziale
  • per elaborare il lutto » 113
  • L’immaginario » 113
  • Dal Rêve-Eveillé all’Esperienza Immaginativa » 114
  • L’immaginazione in atto » 120
  • II – Counseling attraverso il metodo
  • "Centrato sul bambino" » 125
  • Un percorso necessario » 125
  • Le fondamenta del metodo » 126
  • Il metodo "Centrato sul bambino" » 129
  • Dare un nome al bambino » 130
  • L’oggetto » 130
  • La lettera » 131
  • L’Esperienza Immaginativa » 132
  • L’incontro con il figlio mai nato » 133
  • Seppellire l’oggetto » 133
  • Riti di passaggio » 133
  • Atti riparatori » 133
  • Il percorso di Annie » 135
  • Il percorso di Lucia » 145
  • Il percorso di Emma » 152
  • III – Quale destino per i bambini mai nati? » 159
  • Il Catechismo e la tradizione dei Padri » 159
  • Destino di pace per i piccoli senza battesimo » 163
  • Conclusioni » 167
  • Appendice – Elaborare in gruppo » 171
  • Bibliografia » 181
  • Sitografia » 187

Rassegna stampa

www.giubileo.com, 15 Dicembre 2014

Elaborare il lutto di chi ha abortito: affronta un tipo di sofferenza di cui quasi mai si parla il saggio Dare un nome al dolore, di Benedetta Foà (Effatà Editrice, 192 pagine, 13 euro). A tracciare i confini della questione provvedono tre questioni sollevate in prefazione da Tonino Cantelmi, presidente e fondatore dell’Associazione psichiatri e…

Leggi tutto

La Nuova Bussola Quotidiana, 27 Ottobre 2014

Nelle storie delle tre donne raccontate da Benedetta Foà nel libro Dare un nome al Dolore – Elaborazione del lutto post-aborto si riflette la sofferenza di un’umanità fragile, sola, abbandonata a se stessa e persino ingannata da quel “diritto” che cela, dietro l’apparente condizione tutelante, delle insidie pericolose e ancora poco note a molti. Con…

Leggi tutto

Agenzia Zenit, 10 Ottobre 2014

Dare un nome al dolore – elaborazione del lutto per l’aborto di un figlio è il titolo del libro di Benedetta Foà, appena uscito per i tipi di Effatà Editrice. Psicologa clinica, counselor, scrittrice, autrice di diverse pubblicazioni sul tema dell’elaborazione del lutto post-aborto, co-autrice del libro Maternità interrotte – Le conseguenze psichiche dell’IVG (San Paolo 2011),…

Leggi tutto

Il foglietto, 1 Dicembre 2014

Un libro che dice delle donne e degli uomini che hanno vissuto l’esperienza dell’aborto di un figlio. Un libro leggero e pesante. Leggero: perché leggendolo, chi ha vissuto l’esperienza dell’aborto di un figlio ritrova la speranza che ci si può perdonare, che si può perdonare, che si può essere perdonati. Pesante: perché ci mette, tutti,…

Il Regno, 15 Febbraio 2015

Come si può uscire dal tunnel nero della depressione causata da un lutto irrisolto? Grazie ai 19 anni di studi e all’esperienza sul campo maturata come counselor presso un Centro di aiuto alla vita, l’ a. ha elaborato un metodo psicologico per la cura e l’elaborazione del lutto conseguente l’interruzione volontaria di gravidanza. Un percorso…

Nuova Scintilla (Chioggia), 15 Febbraio 2015

Una psicologa (Benedetta Foà), un tema ancora tabù (l’aborto e le sue conseguenze) e la cosiddetta “sindrome post aborto”: miscelati bene e avrete il libro “Dare un nome al dolore”. Un libro che racconta di quanto sia difficile per una donna affrontare ciò che succede dopo aver abortito il proprio figlio; un libro che parla…

G.P. Dore Notizie, 1 Giugno 2015

Se è grave e doloroso per la donna la decisione di abortire o il subire un aborto spontaneo, molto di più lo è la sua conseguenza, che può provocare danni psicologici difficili da curare perché spesso non espressi o celati. A fronte di anni di studio ed esperienze cliniche in materia, l’A. ha messo a…

Settimana, 18 Gennaio 2015

Il testo di Foà è una testimonianza/proposta. Espone quanto appreso dalla sua esperienza di psicologa clinica, dopo averlo elaborato al vaglio delle competenze accademiche, aggiungendovi una dimensione di partecipazione al dramma di quanti – donne, ma anche uomini – hanno vissuto traumi (fisici e psicologici) riconducibili all’aborto: procurato, indotto, scampato. Di qui l’elaborazione di una…

Famiglia Oggi, 1 Ottobre 2015

Un aborto è dannoso per la donna che vi ricorre? Sì. Sicuramente. Numerosi e documentati studi scientifici condotti all’estero, attestano che l’esperienza abortiva provoca un vero e proprio trauma, anche se da noi, in Italia, questo dato è ancora materia “tabù”. Si parla di un rischio di contrarre problemi psicologici e mentali pari addirittura all’8i%.…

Il blog di Costanza Miriano, 27 Luglio 2016

Le conseguenze dell’aborto, spiegato senza ideologie, in modo professionale. Intervista a Benedetta Foà, psicologa clinica, che aiuta “genitori” (donne ma anche uomini) in lutto. Vuoi spiegarci brevemente qual è il tuo lavoro e di che persone ti occupi? Grazie Costanza, lo spiego volentieri. Ho cominciato ad occuparmi di post-aborto nel 1995. In quel momento mi trovavo…

Leggi tutto