Pensare il presente con Simone Weil

di Fabio Amigoni (ed.) e Fulvio Cesare Manara (ed.)

Copertina del libro Pensare il presente con Simone Weil

Disponibile

Compra libro a  17,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788869292590

    Prezzo di copertina: € 17,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 368

    Rilegatura: brossurato

     

     

Autore

Con la collaborazione di: Maria Antonietta Vito (Contributi), Domenico Canciani (Contributi), Gabriella Fiori (Contributi), Rita Fulco (Contributi), Ivo Lizzola (Contributi), Mauro Minervini (Contributi), Jean-Marie Muller (Contributi), Filippo Pizzolato (Contributi)

Pensare il presente con Simone Weil

di Fabio Amigoni (ed.) e Fulvio Cesare Manara (ed.)

Simone Weil (1909-1943) ha manifestato, nell’arco di tutta la sua breve esistenza, una responsabilità insieme intellettuale, morale e politica, che conferisce alla sua opera una coerenza che non smette di interrogarci: l’impegno politico, l’insegnamento, il lavoro in fabbrica, la partecipazione alla guerra civile in Spagna e infine la ricerca ossessiva di un coinvolgimento diretto nella lotta di resistenza, tutto è vissuto con il desiderio di attraversare con la mente e il corpo i drammi e i problemi del suo tempo. Ella ha vissuto con straordinaria intelligenza quella volontà di comprendere la natura reale dei problemi per cercare un principio, una sorgente diversa dalla forza che in qualche modo ne limiti l’eccesso e che va costantemente alimentata e costruita dentro di sé come un’architettura: «Il fine della vita umana è costruire un’architettura nell’anima». Figlia del suo tempo, ne ha attraversato con la mente e il corpo i problemi e i drammi, sollevando questioni che sono ancora le nostre: prima fra tutte, quella dello “sradicamento”, ossia la dismisura e lo squilibrio provocati dall’egemonia della forza che spalanca l’abisso del malheur, della sventura che può ridurre l’uomo a cosa. Le domande poste da Simone Weil continuano a risuonare in noi, nella convinzione che solo da un rinnovamento radicale del pensiero e del pensare può nascere un nuovo “equilibrio” tra l’uomo e le cose, o meglio, tra l’uomo, il cosmo e il divino.
Fulvio C. Manara

Eventi collegati

Contenuti extra

Indice

  • Prefazione
  • Fabio Amigoni – Fondazione Serughetti La Porta pag. 3
  • Prima parte – COSTRUIRE UN'ARCHITETTURA DELL’ANIMA » 9
  • Pensare con Simone Weil. Introduzione
  • Fulvio C. Manara » 11
  • Bellezza e responsabilità » 14
  • Esigenza di nonviolenza » 15
  • Soggettività, architettura dell’anima ed ermeneutica del bene » 19
  • Il nostro pensare e la sua via » 20
  • Bellezza e responsabilità
  • Gabriella Fiori » 23
  • Sotto l’impero della forza
  • Domenico Canciani » 55
  • Guerra di Spagna, colonialismo, Resistenza » 55
  • Spagna: il contatto ipnotizzante con la forza » 57
  • La legge della forza: un’ermeneutica della storia e della società » 61
  • Colonialismo: l’esercizio della forza pura » 67
  • Omero e Tucidide tra pietas e dura necessità » 73
  • La Resistenza: un uso moderato della forza? » 79
  • Una civiltà nuova che rifiuti la forza » 84
  • «Oltre la forza»
  • Mauro Minervini » 89
  • Capire il dominio, resistere al dominio nell’opera di Simone Weil » 89
  • Krátos » 93
  • Bía » 97
  • Dynamis » 101
  • Simone Weil, l’esigenza di nonviolenza
  • Jean-Marie Muller » 105
  • Soggetto e impersonale negli ultimi scritti di Simone Weil
  • Rita Fulco » 125
  • Il soggetto in questione » 125
  • L’Io: un’identità a più livelli » 133
  • Seconda parte – PENSARE IL PRESENTE
  • Altri testi e riflessioni su diritti, lavoro, giustizia, educazione e democrazia ... » 167
  • L’utopia concreta di Simone Weil
  • Maria Antonietta Vito » 169
  • In principio, una filosofia del lavoro » 169
  • Simone Weil utopista? » 174
  • L’incontro folgorante tra due intelligenze » 180
  • La filosofa e l’industriale. Adriano Olivetti e Simone Weil
  • Domenico Canciani » 187
  • Un industriale sovversivo » 188
  • Un politico visionario » 191
  • Editore e lettore di Simone Weil » 197
  • La radice totalitaria dei partiti politici. Simone Weil critica del collettivo
  • Rita Fulco » 213
  • I diritti: un impedimento per la giustizia? La lezione di Simone Weil
  • Filippo Pizzolato » 235
  • I diritti e la mondializzazione giusta? » 235
  • I diritti come rivestimento della forza » 240
  • Diritti e potere (economico) nello Stato moderno » 247
  • A chi giova la critica dei diritti? » 257
  • La giustizia fuori dal diritto (e dai diritti) » 260
  • La giustizia possibile entro il campo del diritto (e dei diritti) » 268
  • I diritti hanno un fine? » 277
  • Conclusione? La fraternità » 284
  • Violenza senza fine, attestazione e azione perfetta: in dialogo con Simone Weil
  • Ivo Lizzola » 289
  • Vivere in un tempo di guerra » 289
  • Guardare negli occhi il proprio tempo » 297
  • La necessità e l’azione misurata dalla perfezione » 303
  • Il Progetto di una formazione di infermiere di prima linea » 308
  • L’azione non agente e l’attestazione » 313
  • La veglia nella notte oscura » 318
  • APPENDICE
  • Due testi di Simone Weil tradotti da Fulvio C. Manara » 321
  • Piccola premessa » 323
  • Riflessioni sulla barbarie (frammenti) » 327
  • Studio per una dichiarazione degli obblighi verso l’essere umano » 331
  • Simone Weil (1909-1943) » 341
  • Bibliografia ragionata » 349
  • Profilo degli autori e delle autrici » 356