Don Gianni Fornero

Quando Chiesa in uscita si diceva uomini di frontiera

di Fondazione Vera Nocentini, Silvio Caretto (ed.) e Tommaso Panero (ed.)

Copertina del libro Don Gianni Fornero

Disponibile

Compra libro a  11,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788869292125

    Prezzo di copertina: € 11,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 144

    Contenuti: Index

    Rilegatura: brossurato

     

Autore

Don Gianni Fornero

Quando Chiesa in uscita si diceva uomini di frontiera

di Fondazione Vera Nocentini, Silvio Caretto (ed.) e Tommaso Panero (ed.)

Operaio in fabbrica, militante sindacale, fondatore della GiOC, don Gianni Fornero ha saputo portare a compimento un percorso iniziato con le esperienze dei cappellani del lavoro e dei preti operai, frutto delle aperture del Concilio e della volontà di stabilire un rapporto nuovo tra la Chiesa e mondi che sembravano lontani. Attraverso la maturazione di un’attenzione straordinaria per i giovani lavoratori, il suo itinerario si è poi sviluppato ulteriormente con responsabilità sia a livello nazionale che internazionale, in cui ha trasferito questa sua sensibilità e profuso il suo grande carisma. L’impegno di don Fornero nella Pastorale sociale e del lavoro è diventato un modello di riferimento che continua anche dopo la sua morte. Questa pubblicazione ricostruisce la sua figura attraverso alcuni saggi e una serie di testimonianze di persone che hanno condiviso una parte del loro percorso di vita insieme a don Gianni e ne conservano un ricordo prezioso, che vale la pena far conoscere ad altri affinché resti vivo e possa fungere da stimolo per una riflessione sui messaggi e sull’eredità che ci ha lasciato.

«Don Gianni ha insegnato molto e a molti, perché ha saputo imparare molto e da molti con quell’atteggiamento di disciplina interiore che lo porterà a “vedere, giudicare, agire”».

Mons. Guido Fiandino

Contenuti extra

Indice

  • Presentazione
  • Fondazione Vera Nocentini (Gianfranco Zabaldano) p. 3
  • In memoria di don Fornero (mons. Guido Fiandino) » 6
  • Cenni biografici (Tommaso Panero) » 9
  • Gianni Fornero: una traccia ancora presente
  • (Tommaso Panero) » 12
  • Parte prima – Approfondimenti » 17
  • Giovani operai cristiani. Gianni Fornero e la (ri)nascita della GiOC a Torino (Marta Margotti) » 18
  • Con la GiOC nel cuore (Giannino Piana) » 33
  • Don Fornero: quando fare Chiesa in uscita creava non poche diffidenze (don Silvio Caretto) » 43
  • Parte seconda – Testimonianze » 45
  • La GiOC » 47
  • Breve «narrazione» di una importante condivisione (Gian Piero Margaria) » 48
  • La persona al centro (Lidia Rosso) » 53
  • Dovevamo fare il pane (Antonio Sansone) » 55
  • Dalla GiOC all'impegno politico ed amministrativo (Guido Alunno) » 59
  • Non perdeva tempo (Massimo Pace) » 62
  • La mia tesi di laurea (Vito Vita) » 64
  • Don Gianni visto dai giovani della GiOC di oggi (Fabiana Delle Noci) » 68
  • 144
  • L’impronta del suo progetto educativo (Filippo Provenzano) » 70
  • Mettere al centro i lavoratori e gli umili (Gianbeppe Battaglino – Arturo Faggio) » 74
  • Tra GiOC e parrocchia » 79
  • Un prete con tre S stampate in faccia! Sorridente semplice sincero (suor Maria Pia – Torino San Donato) » 80
  • Paradigma di un modo di essere Chiesa (Gaetano Quadrelli) » 82
  • Un appassionato accompagnatore di giovani operai (don Filippo Raimondi) » 86
  • Il CIJOC » 89
  • Un «Aumonier» rispettoso dei militanti (Bernard Schricke) » 90
  • Il sindacato » 93
  • Operaio e prete (Giovanni Avonto) » 94
  • Un grande educatore (Gianfranco Zabaldano) » 97
  • Alenia Aermacchi ricorda don Gianni (Renato Gianolio) » 99
  • Prete ed operaio nella Cgil (Luciano Marengo) » 102
  • La Pastorale del lavoro » 105
  • La spiritualità del sindacalista (Giovanni Avonto) » 106
  • In rete a sostegno di una grande vertenza (Claudio Chiarle) » 108
  • Parte terza – Raccolta di testi di don Gianni Fornero » 111
  • Per una storia della pastorale del mondo del lavoro » 112
  • Riflessioni sul futuro di Torino (e provincia) » 138