L’arte che guarisce la bellezza che salva

di Ester Brunet (ed.) e Antonio Scattolini (ed.)

Disponibile

Compra libro a  18,00

Normalmente preparato per la spedizione
in un giorno lavorativo

Oppure acquista su

Informazioni

  • Isbn: 9788869296710

    Prezzo di copertina: € 18,00

    Stato: In catalogo, disponibile

    Anno:

  • Pagine: 128

    Rilegatura: brossurato

     

     

Autore

Con la collaborazione di: Derio Olivero (Contributi di), Enzo Biemmi (Contributi di), Grazia Papola (Contributi di), Gabriele Pelizzari (Contributi di)

L’arte che guarisce la bellezza che salva

di Ester Brunet (ed.) e Antonio Scattolini (ed.)

L’arte accompagna il processo di guarigione perché aiuta a stare nel dolore.
È così che l’esperienza del bello diventa esperienza spirituale: ci restituisce alla nostra umanità; dona fiducia nella vita, infonde forza per vivere la nostra condizione umana.
La guarigione non è solo opera dell’arte sacra, ma di ogni forma di bellezza, sia naturale sia umana.

«Arte e vita sono complementari: se infatti esiste l’arte è perché ci offre qualcosa che le ore quotidiane non ci danno, perché ci porge ciò che il tempo della realtà ci nega, perché la vita ne ha bisogno come agente di un’azione che altrimenti non potrebbe realizzarsi. Tra le tante cose che noi europei moderni abbiamo dimenticato c’è la funzione medicinale dell’arte, il suo potere curativo quasi magico, il suo legittimo potere taumaturgico» .
Maria Zambrano, La confessione come genere letterario

È stato davvero così, durante la pandemia? Potrebbe esserlo, o esserlo ancor più, rispetto a quanto ancora ci attende? Questo libro nasce da alcune giornate di formazione pastorale e spiritualità intorno al potere sanante e salvifico dell’arte. L’esperienza dolorosa del Covid ha toccato non solo le persone che hanno perso qualche familiare o amico, ma l’intera società e anche la comunità cristiana. Come credenti, abbiamo voluto provare a raccontarci e condividere cosa abbiamo vissuto (esperienze, emozioni, riflessioni) e cosa ci ha sostenuto in questo tempo prolungato di sospensione della “vita normale”. Nello specifico, ci siamo chiesti (grazie ai preziosi contributi che in questo volume raccogliamo) quale ruolo ha avuto (o potrebbe avere) l’arte, per cercare di riscoprire la sua funzione terapeutica in ordine alla salvezza integrale della persona.

Contenuti extra

Indice

  • Partire da una pratica pastorale: Desenzano 2020 (E. Brunet, A. Scattolini)
  • Una parola bella nel cuore della pandemia (E. Biemmi)
  • Arte in ospedale. Un dipinto per respirare (D. Olivero)
  • Un futuro di speranza. L'esilio durerà a lungo, ma finirà (Geremia 29,1-14) (G. Papola)
  • Apparato iconografico
  • Il tema della guarigione nelle origini cristiane: tra Parola e immagine (G. Pelizzari)
  • La bellezza, farmacia dei sani e dei malati: note per un annuncio bello... che guarisce (A. Scattolini)
  • Guarire con l’arte: Joseph Beuys, Francisco Goya (E. Brunet)
  • Due opere "compagne di viaggio" in tempo di Covid-19: il Compianto sul Cristo morto di Van Dyck e il San Rocco cura gli appestati di Tintoretto (E. Brunet, A. Scattolini)
  • L’arte come cammino terapeutico (E. Biemmi)